Archivio

Posts Tagged ‘editori’

Wowio, dagli Stati Uniti gli eBook gratis…sponsorizzati

3 gennaio 2011 admin Nessun commento

Il sito internet  Wowio, piccolo eBook store indipendente e intraprendente, offre un rivoluzionario servizio ai propri abbonati: 2 paginette di pubblicità all’inizio dell’eBook, 2 paginette alla fine, ma per leggere ciò che c’è nel mezzo non dovete pagare nulla. Le pubblicità sono a tema con la lettura: quindi, se state leggendo “I viaggi di Gulliver” di Swift, vi troverete davanti la locandina dell’omonimo film presto in uscita nelle sale americane, con Jack Black protagonista.

Il modello Wowio va però ben oltre questa “nota di colore”. Gli autori possono vendere il proprio eBook alla cifra che ritengono opportuna, e tutti i proventi della vendita saranno loro destinati. Niente percentuali sulle vendite insomma, sui modelli Amazon e iBooks. Scegliendo invece la strada della pubblicità, Wowio metterà a disposizione la piattaforma per la sponsorizzazione degli eBook, che per contro non costeranno nulla al lettore e faranno guadagnare l’autore attraverso la reclame.

La qualità della lettura non ne risentirà – assicurano i responsabili Wowio – e tutti saranno felici. Autori, editori, e sponsor. Che potranno, come visto, calibrare le loro reclame sulla base dei contenuti o del profilo del lettore che si iscriverà al servizio.

Immorale sfruttare l’opera intellettuale per il bieco denaro? E’ giusto ricordare come molte case editrici (nel cartaceo) abbiano usato in passato la stessa tecnica, promuovendo altri prodotti dello stesso autore, libri, film e quant’altro. E che dire delle pubblicazioni spesso regalate (o vendute) con una rivista, che hanno al loro interno rimandi pubblicitari alla rivista stessa?

Idea geniale o uovo di Colombo? Come è giusto che sia, sarà il mercato a decidere sul suo successo. E non dimentichiamoci degli autori degli eBook in questione, che dovranno forzatamente avere l‘ultima parola a riguardo.

FONTE: www.pianetaebook.com

Kindle per il Web: anteprima online prima di acquistare

6 ottobre 2010 admin Nessun commento

Amazon, ha da poco lanciato in fase di beta testing Kindle for Web che consentirà di visualizzare i testi degli eBook su qualsiasi dispositivo.

Lo strumento consente agli acquirenti di libri digitali di leggere gli estratti degli eBook sul Web, attraverso un qualsiasi browser, con la possibilità anche di incorporarli sul proprio blog o altri siti incollando il codice come facciamo con le clip di YouTube.  Attraverso la  funzione “embed” appare un pulsante sulla pagine del libro che dice “Leggi il primo capitolo gratis”, cliccando si visualizza il primo capitolo del libro sulla pagina. E’ possibile condividere i link agli eBook anche per email, su Facebook e Twitter. L’aspetto più importante di questa funzione, è che consente di visualizzare i libri direttamente nel browser senza la necessità di scaricare software e installare applicazioni su un computer o un tablet. Molte funzionalità del Kindle sono presenti anche nella versione “for Web”, quali la modifica della dimensione dei caratteri e spazi di linea e regolazione del colore di fondo del libro.

La pagina Web dimostrativa permette di leggere gli assaggi dei libri di Karen McQuestion e John Miller. Amazon, con una iniziativa come questa, conta sicuramente ad utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per aggredire il mercato puntando sulla fruizione da web e sulla condivisione nei social network anche come strategia di marketing. La stessa Amazon considera i capitoli omaggio come una forma di attrattiva per i consumatori e anche per coloro che incorporano questi estratti di ebook nei loro blog, dal  momento che offre un programma di affiliazione che garantisce un guadagno per ogni acquisto di contenuti dalla propria libreria online. Il Kindle Store contiene qualcosa come 700.000 titoli inclusi anche titoli appena usciti. La filosofia di Amazon è quella del “buy once, reade everywhere” ovvero l’ebook si compra una volta sola e lo si può leggere ovunque, non solo sulle varie declinazioni del Kindle, ma anche su iPad, iPhone, PC, Macintosh, BlackBerry e Android. Questi dispositivi e il formato dell’eBook si stanno diffondendo in molti settori (giornalismo, scuole, centri di ricerca, editori) e sembrerebbe che l’abitudine alla lettura dei cittadini potrebbe trarne giovamento. Contestualmente le aziende e gli editori pensano a come trarre il loro guadagno da questa nuova tendenza.

eBookFest 2010 a Fosdinovo – 10-12 Settembre

24 agosto 2010 admin Nessun commento

ebook fest 2010Durante questa manifestazione ospitata a Fosdinovo (MS) dal 10 al 12 settembre diversi esperti del settore si confronteranno sul campo degli eBook, trattando tematiche come produzione, distribuzione, guerra dei formati, DRM, print on demand, didattica, sostenibilità e accessibilità. Grande sviluppo si avrà inoltre nel settore della editoria scolastica che dovrà adeguarsi alla circolare n.16 del 10 febbraio 2009.

Di seguito riportiamo la presentazione della manifestazione, estrata dal sito ufficiale.

L’ eBookFest nasce come logica e naturale evoluzione di due precedenti esperienze di successo: il BookCamp di Rimini (2008) e lo SchoolBookCamp di Fosdinovo (2009).
Sullo sfondo, la necessità – sempre più sentita nel mondo dell’editoria come in quello della formazione – di supportare culturalmente i processi di cambiamento scaturiti dal ritmo serrato dell’innovazione tecnologica.

Giunti al secondo appuntamento, i due Barcamp si arricchiscono di tavole rotonde, seminari di formazione (eBookLife – eBookTab), e di spazi espositivi (eBookShow) proponendosi di diventare un appuntamento annuale per far luce, attraverso il confronto tra studiosi, appassionati, operatori del settore, professionisti, docenti e istituzioni, sullo stato dell’arte dell’editoria digitale.

I Focus tematici intorno ai quali si struttureranno i barcamp, le tavole rotonde, i seminari, gli spazi espositivi di progetti e prodotti sono:

- la nuova filiera dell’editoria digitale, dalla produzione alla distribuzione
– la guerra dei formati e diritto d’autore
– le biblioteche e le piattaforme di pubblico accesso
– le nuove scritture: non lineari, plurali, ipermediali e multimodali, autoprodotte
– il testo digitale nella formazione e nella didattica: potenzialità e nuovi scenari
– accessibilità: disabilità sensoriali e cognitive, il problema della forma e quello dei contenuti

Il programma dell’eBookFest 2010 si articolerà in relazioni invitate e presentazioni di prodotti digitali e progetti sperimentali. Le aziende interessate a esporre i loro prodotti e servizi possono prenotare uno spazio. Dalle scuole e dalle università sono graditi contributi su ogni aspetto inerente il progetto, lo sviluppo e l’utilizzo di contenuti digitali per la formazione.

Iscriviti ai barcamp QUI

Il Gruppo Editoriale l’Espresso presenta “la Repubblica+” primo quotidiano italiano sull’iPad

16 maggio 2010 admin Nessun commento

Il Gruppo Editoriale l’Espresso presenta “la Repubblica+” primo quotidiano italiano sull’iPad, disponibile fino al 28 maggio solo negli Stati Uniti.

L’edizione di  Repubblica sull’iPad sarà gratuita (almeno nei prossimi mesi di prova), sarà consultabile orizzontalmente (landscape) o verticalmente (portrait), visualizzando le pagine del quotidiano in formato miniatura. Tra le altre funzioni si potrà  richiamare le notizie in Real Time dagli RSS del sito Repubblica.it.

L’App può essere scaricata di QUI

Fonte: Repubblica.it

Ebook della “Graphe.it” Edizioni

16 marzo 2010 admin Nessun commento

Anche Graphe.it Edizioni qualche tempo fa aveva annunciato l’interesse negli e-book. Ora buona parte del loro catalogo è disponibile anche sotto forma di ebook, così che possiate consultare le loro pubblicazioni anche nei vostri lettori ereader, iPhone inclusi. Tutto il catalogo sarà gradualmente disponibile anche in versione ebook.

Gli ebook possono essere scaricati direttamente dal sito Graphe.it (in formato epub). Se avete un Kindle li troverete anche su Amazon.com.

Se volete, potete scaricare gratuitamente i libri dei due concorsi letterari di Graphe.it dal forum di Simplicissimus Book Farm.

FONTE: www.graphe.it